Yapahuwa: il primo incontro con le scimmie

Come fare ad eguagliare un primo giorno in Sri Lanka pieno di bellezza e meravigliose scoperte? Il secondo giorno doveva cercare di essere all’altezza e se possibile superare il primo, e qui di seguito vi racconto com’è stato il nostro primo incontro con delle rovine imperiali e con le scimmie, creature adorabili all’apparenza ma che in realtà vanno tenute a debita distanza perchè possono diventare veramente aggressive. 

Neel, il nostro driver, è venuto a prenderci nel primo pomeriggio e dopo aver salutato la mia amica e suo marito che ci avrebbero raggiunto più avanti nel viaggio, siamo saliti sul mini van di marca giapponese e ci siamo avventurati sulle strade interne dello Sri Lanka. L’obiettivo finale era Anuradhapura, una delle città che formano parte del cosiddetto Triangolo Culturale e il primo patrimonio dell’Umanità che abbiamo visto nell’isola. 

Ma, sia per spezzare la monotonia del viaggio in macchina (anche se i paesaggi che vedevamo dal finestrino erano tutt’altro che monotoni) sia per sgranchirci un pò le gambe sia perchè ne valeva la pena abbiamo fatto una deviazione per visitare un’antica città non molto conosciuta dai turisti: Yapahuwa. 

Yapahuwa- particolare della porta d’ingresso alla città

 Vi consiglio assolutamente di venire a visitare questa città/fortezza: contrariamente agli altri templi e/o città del Triangolo Culturale, troverete molta meno gente e potrete esplorare con calma e tranquillità le rovine: credetemi ne vale assolutamente la pena. Appena entrati all’interno delle rovine, lo sguardo viene subito catturato dalla scalinata d’entrata alla città perfettamente conservata e ripidissima (pare infatti che fosse stata costruita in questo modo per scoraggiare eventuali incursioni nemiche nel territorio). La scala è sormontata da un entrata anch’essa perfettamente conservata piena di decorazioni e fregi. Lungo la scala si possono vedere delle statue di elefanti, nani, dee e una coppia di leoni in pietra e alla base della scala ci sono dei rilievi con delle danzatrici e musici dell’epoca.

vista laterale della scala 

La seconda cosa che ci ha colpito è che, nonostante il posto fosse in rovina da tempo, i suoi moderni abitanti sono più vivi e rumorosi che mai: una colonia di scimmie infatti ha scelto questa città in rovina come sua dimora. Era la prima volta che vedevo delle scimmie dal vivo anche se da quel momento in poi le avremmo viste in pressochè tutti i templi che avremmo visitato (sono talmente furbe che rubano le offerte che i fedeli lasciano a Buddha come i fiori di loto o simili) e vi consiglio estrema attenzione: mentre stavamo salendo la scalinata, infatti, Fran senza accorgersene si è avvicinato un pò troppo a una scimmia e in tutta risposta la scimmia ha inarcato la schiena e mostrato i denti pronta ad attaccare, ci siamo quindi allontanati in tutta fretta e per fortuna non è successo niente di che, ma vi assicuro che da quel momento in più ci siamo tenuti a debita distanza da qualsiasi scimmia che incontravamo!

scimmiette 

Una volta arrivati in cima si viene rapiti dalla vista panoramica che si gode sulla vegetazione nei dintorni e in più abbiamo trovato altre famiglie di scimmie con i loro piccolini, vedendole dal vivo è impossibile non cogliere la somiglianza tra noi umani e questi primati.

vista dall’alto 

Il tempo di qualche foto e poi di nuovo on the road direzione Anuradhapura. Avevamo un motivo in più per essere contenti di andare ad Anuradhapura: lì ci aspettava infatti Ester, un’altra mia amica che proprio nello stesso periodo aveva deciso di viaggiare in Sri Lanka. Avevamo prenotato lo stesso hotel, Hanoi Palace (costo totale 28,60 dollari :25 euro circa in totale- hotel senza lode nè infamia, probabilmente si può trovare di meglio per lo stesso prezzo) per passare insieme la serata. Dopo esserci rinfrescati abbiamo passato una piacevole serata a raccontarci le nostre reciproche prime impressioni sul paese che ci stava ospitando. Il tempo vola purtroppo quando si è in buona compagnia e prima che ce ne rendessimo conto eravamo già a letto pregustando la visita della città imperiale di Anuradhapura: primo patrimonio dell’umanità che dovete assolutamente includere in una vostra ipotetica visita nel paese asiatico. 

INFO Yapahuwa: ingresso 500 Rupie (all’incirca 2,5 euro) tutti i giorni dalle 08:00 alle 18:00

5 risposte a "Yapahuwa: il primo incontro con le scimmie"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: