GIAPPONE

Nagano e il castello di Matsumoto

Nagano: la nostra prima tappa della luna di miele in Giappone e la porta d’ingresso nel meraviglioso paese del Sol Levante. Appena atterrati a Tokyo, insonnoliti dal jet lag ma emozionati e carichi per l’avventura, abbiamo preso il primo treno disponibile che collegava la capitale alla città di Nagano e lì è iniziata la nostra avventura.

Scopriamo insieme le bellezze di Nagano e del castello di Matsumoto, una delle gite tipiche che si possono fare in giornata dalla città delle olimpiadi invernali!

IL TEMPIO ZENKO-JI

IL TEMPIO ZENKO-JI a Nagano
immagine tratta da matteoingiappone.it

Nagano, capitale dell’omonima prefettura, è famosa in Giappone principalmente come base per poter visitare le montagne circostanti. Non a caso ha ospitato nel 1998 i Giochi Olimpici Invernali, e non sono pochi i rimandi a quel periodo sparsi in giro per la città.

Assolutamente da non perdere la visita al tempio di Zenko-ji. E’ facilmente raggiungibile dalla stazione del treno prendendo la via principale Chuo-dori e percorrendola interamente fino ad arrivare al tempio. Il tempio (di tipo buddhista) risale al VII secolo d.C. , ma è stato ricostruito nel XVII secolo.

L’importanza di questo tempio è tale che la città di Nagano (creata nel 1897) è stata costruita attorno ad esso. E’ uno dei siti di pellegrinaggio più importanti del Giappone: al suo interno è custodita una statua di Amida Buddha. L’immagine è talmente sacra che rimane quasi sempre nascosta. Ogni sei/sette anni viene esposta in occasione della cerimonia Gokaicho, dove il numero di pellegrini si moltiplica a dismisura.

Il tempio ha le caratteristiche tipiche dei templi buddhisti. In primo luogo, uno o due grandi cancelli principali con delle porte d’entrata in legno. Generalmente al suo interno troverete due statue di divinità dall’aspetto grottesco: sono i “guardiani della porta” Agyu e Ungyo. Uno è rappresentato con una bocca aperta e l’altro chiusa.

All’interno del tempio c’è un sala principale (Hondo) dove vengono esposte tutte le statue di Buddha in tante posizioni diverse. Generalmente è presente anche una sala delle letture che serve per le letture sacre e gli incontri tra i fedeli. Vedrete anche delle grandi lanterne di pietra: indicano il punto oltre il quale era consentito l’accesso solo ai nobili e ai sacerdoti.

ALTRE ATTRATTIVE DI NAGANO

Altrattiva di Nagano

In base alla nostra esperienza personale, ci sentiamo di consigliare di venire a Nagano durante la stagione invernale. Avendola visitata d’estate abbiamo trovato pochi luoghi d’interesse, oltre al già citato tempio e ad alcuni punti dove permangono i simboli delle Olimpiadi Invernali.

Un’attrazione da non perdere se venite da queste parti in inverno è il parco delle scimmie della neve di Jigokudani : potrete ammirare con i vostri occhi delle scimmie che adorano crogiolarsi nel tepore delle acque termali giapponesi. Il momento migliore per godere di questo spettacolo è da dicembre a marzo. E’ per questo motivo che noi non siamo andati, ma ce lo segniamo senza dubbio per la prossima volta!

Scimmia della neve di Jigokudani
immagine tratta da pixabay.es

MATSUMOTO E IL SUO CASTELLO

Una gita che vi consiglio di fare è la visita al bellissimo castello di Matsumoto, comodamente raggiungibile in giornata da Nagano. E’ uno dei dodici castelli di costruzione originale in Giappone, dichiarato Tesoro Nazionale: una visita imperdibile!

castello di Matsumoto
il castello con il suo fossato

Il castello riceve il soprannome di “Corvo Nero” per il colore nero delle sue mura in contrapposizione con il soprannome di “Garza Bianca” dato al Castello di Himeji, dalle mure bianche. Interamente costruito in legno, senza l’utilizzo di un solo chiodo, presenta un tetto disposto su cinque livelli (anche se i livelli reali interni sono sei).

Costruito a partire dal 1504 e terminato nel 1590, ha una struttura architettonica unica. Il torrione principale è collegato attraverso un corridoio coperto con la torre minore a nord, e con altre due torri minori, costruite nel 1635 quando la situazione era pacifica per la contemplazione della luna.

LA VISITA ALL’INTERNO DEL CASTELLO

La visita all’interno del castello fa capire bene il suo intento difensivo. Il primo piano serviva come deposito di cibo, munizioni e armamenti. Il passaggio dal primo all’ultimo piano avveniva attraverso scale separate tra di loro e con una grande inclinazione.

Il secondo piano è diviso in 8 sale diverse e serviva per i Samurai come alloggio in casi di emergenza. In questo piano troverete una bella collezione di armi da fuoco.

Il terzo piano viene chiamato “piano nascosto/oscuro” perché è senza finestre: per questo motivo si considerava il piano più sicuro di tutto il castello. Tra l’altro questa caratteristica fa sí che da fuori sembra che i piani effettivi siano solo cinque, invece che sei.

Al quarto piano, così come al secondo, sono presenti delle grate chiamate in giapponese “finestre dei guerrieri“. Usate dai Samurai per poter lanciare attacchi ai nemici senza essere colpiti, la loro caratteristica principale sono delle persiane in legno: molto comode come protezione in caso di pioggia e vento.

Samurai e principessa, vestiti tipici dell epoca
un samurai e una principessa vestiti con abiti dell’epoca

Lo stile del quarto piano è diverso rispetto agli altri: più ampio e più luminoso. Questo ha fatto credere gli studiosi che qui alloggiava il signore del castello in caso di attacco o di emergenza. Il quinto piano serviva come sala conferenza per discutere tattiche in caso d’emergenza.

L’ultimo piano invece serviva come quartiere generale per il daimyo, il signore feudale. L’altezza a cui si ritrova (22,1 metri) permette di godere di un panorama spettacolare sul resto della città.

CONSIGLI PER GODERSI AL MEGLIO LA VISITA A NAGANO E MATSUMOTO

NAGANO: Se cercate un hotel per alloggiare vi consiglio il CHISUN GRAND NAGANO HOTEL. I suo punti di forza sono la posizione centrale vicino alla stazione dei treni e le camere abbastanza spaziose (per gli standard giapponesi).

MATSUMOTO: Da aprile fino a fine ottobre un gruppo di volontari (Alps Language Service Association= ALSA) offre delle visite guidate gratuite al castello. Per noi si è trattato di una bellissima sorpresa: una signora giapponese gentilissima ci ha spiegato benissimo la storia e l’architettura del castello senza volere neanche un Yen in cambio. Vi lascio qui il link per poter prenotare la visita, non ve ne pentirete!

Guida di Matsumoto
La nostra guida a Matsumoto

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *